Web scraping indiscriminato, i dati non sono in rete per addestrare l’AI: l’indagine del Garante privacy

Il Garante privacy ha avviato un’indagine conoscitiva sui siti internet pubblici e privati per verificare l’adozione di misure di sicurezza adeguate a impedire la raccolta massiva di dati personali usati per addestrare gli algoritmi di intelligenza artificiale. Un’iniziativa pioneristica che potrebbe avere serie ripercussioni su un mercato in piena ascesa. Ecco perché

L’articolo Web scraping indiscriminato, i dati non sono in rete per addestrare l’AI: l’indagine del Garante privacy proviene da Cyber Security 360.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *